Iaido

Antica disciplina definita come l'Arte dell'estrazione e dell'uso della spada tradizionale giapponese (Katana), è giunta intatta fino a noi dalle tradizioni e dalla cultura del Giappone medioevale.

Pone il praticante di fronte all'avversario più temibile: sè stesso ("si deve tagliare il nemico interiore").
Si pratica attraverso l'esecuzione di forme strettamente codificate (Kata).

L'ideogramma giapponese Iai ha anche il significato di "conoscenza dell'essere" .

Lo iaido è considerato da molti l'essenza moderna del Budo.
Equilibrato nei suoi movimenti, semplice nella sua eleganza, lo Iaido è pervaso da una serie di relazioni profonde: un respiro, un taglio, una vittoria.
Lo iaido incorpora in sé il minimalismo estetico giapponese, dove ogni movimento è segnato dalla profondità spirituale derivante da centinaia di anni di studio nel massimo rispetto della vita e della morte.

Lo Iaido ha influenzato l'evoluzione di tutte le altre discipline giapponesi oggi conosciute e diffuse.
Le prime scuole di IAIDO di cui si hanno notizie risalgono al VII secolo d.C. durante l'era Nara, mentre il periodo di massimo sviluppo delle scuole di Iaido si ebbe attorno al 1500 - 1600.
Ai nostri giorni, l'uso di questo affascinante strumento, la spada, mira a stimolare nell'individuo il recupero di quello doti di armonia, equilibrio fisico e psichico che le esigenze del vivere moderno hanno relegato nei reconditi recessi del proprio "io".

E' una disciplina praticabile sia da uomini che da donne senza limiti di età.

Appartengo allo splendido dojo Yamabushi Shudan Erba
Sono iscritto alla Confederazione Italiana Kendo (CIK)
Ho conseguito il grado di Shodan nel 2009

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"